E' già pronto il questionario per l'analisi dei fabbisogni formativi da condurre nelle aziende. Ha già preso il via dunque l'attività operativa di Lilac che è stata presentata lo scorso 6 novembre presso la sede del Centro Sperimentale a Poggibonsi. L'obiettivo finale sarà quello di costruire una piattaforma digitale per un continuo aggiornamento professionale per mantenere e migliorare le qualificazioni e competenze nell'industria del mobile - e non solo - in Europa. Il Csm, in questa fase, ha predisposto il questionario che è già stato preparato e illustrato ai partner. In questa fase il materiale viene inviato alle aziende che sono sollecitate a rispondere entro la fine di gennaio 2009. Lo stesso questionario sarà impiegato dagli altri partner nella propria zona di competenza.  Target di riferimento sono manager e quadri delle aziende che avranno la possibilità di rispondere sulle varie aree di competenza: marketing/comunicazione/approvvigionamenti. Le domande prendono il via dal modello organizzativo aziendale e continua cogliendo le caratteristiche dei prodotti, il mercato di riferimento, l'area dell'mpresa in cui sono più necessarie capacità e attitudini particolari. La griglia di intervista dei fabbisogni formativi prevede, per quanto riguarda le competenze interne,  domande sui ruoli presenti in azienda, sulle conoscenze e capacità richieste al ruolo, sulla reperibilità sul mercato. Per quanto riguarda le competenze esterne le domande si concentrano sulle aree gestionali, sull'utilizzo di competenze esterne, sulle modalità di scelta, sul grado di soddisfazione e necessità future di reperimento. Tutto questo sui temi progettazione, marketing, comunicazione, produzione, vendite, controllo di gestione, acquisti, gestione risorse umane, processi gestionali. Sono oggetto dell'indagine anche le abilità richieste nell'azienda

 

Sulla base dei risultati che emergeranno da tutti i paesi partner il Csm stilerà un report complessivo utile per inquadrare le figure professionali che ciascuna impresa giudica necessarie, all'interno degli standard europei. Un percorso a step successivi, dunque, che prende il via da una ricerca sul campo, continua con l'analisi dei fabbisogni, con la codificazione delle figure e si conclude con la costituzione della piattaforma web che dovrà integrare competenze di management ed e-learning a vantaggio dei dipendenti di una organizzazione.

 

Lilac, Lifelong Learning and Competence Management for the Furniture Industry, è il progetto di cui il Csm è capofila e che ha ricevuto il finanziamento di circa 500.000 Euro tra i progetti Europei Leonardo. Sono partner Grifo multimedia Srl, società della regione Puglia che ha il ruolo di coordinamento e organizzazione, e poi la società inglese Webs Training Ltd, l'istituto francese Institut Technologique Foret Cellulose Construction Ameublement e l'istituto spagnolo Centro Tecnológico del Mueble y la Madera. Il prossimo incontro si terrà a marzo 2009. Per quella data il Csm avrà effettuato la ricerca sul territorio di propria competenza e dovrà presentare una prima valutazione e un primo confronto tra i risultati che emergono negli altri paesi prima del report finale.

 

"> E' già pronto il questionario per l'analisi dei fabbisogni formativi da condurre nelle aziende. Ha già preso il via dunque l'attività operativa di Lilac che è stata presentata lo scorso 6 novembre presso la sede del Centro Sperimentale a Poggibonsi. L'obiettivo finale sarà quello di costruire una piattaforma digitale per un continuo aggiornamento professionale per mantenere e migliorare le qualificazioni e competenze nell'industria del mobile - e non solo - in Europa. Il Csm, in questa fase, ha predisposto il questionario che è già stato preparato e illustrato ai partner. In questa fase il materiale viene inviato alle aziende che sono sollecitate a rispondere entro la fine di gennaio 2009. Lo stesso questionario sarà impiegato dagli altri partner nella propria zona di competenza.  Target di riferimento sono manager e quadri delle aziende che avranno la possibilità di rispondere sulle varie aree di competenza: marketing/comunicazione/approvvigionamenti. Le domande prendono il via dal modello organizzativo aziendale e continua cogliendo le caratteristiche dei prodotti, il mercato di riferimento, l'area dell'mpresa in cui sono più necessarie capacità e attitudini particolari. La griglia di intervista dei fabbisogni formativi prevede, per quanto riguarda le competenze interne,  domande sui ruoli presenti in azienda, sulle conoscenze e capacità richieste al ruolo, sulla reperibilità sul mercato. Per quanto riguarda le competenze esterne le domande si concentrano sulle aree gestionali, sull'utilizzo di competenze esterne, sulle modalità di scelta, sul grado di soddisfazione e necessità future di reperimento. Tutto questo sui temi progettazione, marketing, comunicazione, produzione, vendite, controllo di gestione, acquisti, gestione risorse umane, processi gestionali. Sono oggetto dell'indagine anche le abilità richieste nell'azienda

 

Sulla base dei risultati che emergeranno da tutti i paesi partner il Csm stilerà un report complessivo utile per inquadrare le figure professionali che ciascuna impresa giudica necessarie, all'interno degli standard europei. Un percorso a step successivi, dunque, che prende il via da una ricerca sul campo, continua con l'analisi dei fabbisogni, con la codificazione delle figure e si conclude con la costituzione della piattaforma web che dovrà integrare competenze di management ed e-learning a vantaggio dei dipendenti di una organizzazione.

 

Lilac, Lifelong Learning and Competence Management for the Furniture Industry, è il progetto di cui il Csm è capofila e che ha ricevuto il finanziamento di circa 500.000 Euro tra i progetti Europei Leonardo. Sono partner Grifo multimedia Srl, società della regione Puglia che ha il ruolo di coordinamento e organizzazione, e poi la società inglese Webs Training Ltd, l'istituto francese Institut Technologique Foret Cellulose Construction Ameublement e l'istituto spagnolo Centro Tecnológico del Mueble y la Madera. Il prossimo incontro si terrà a marzo 2009. Per quella data il Csm avrà effettuato la ricerca sul territorio di propria competenza e dovrà presentare una prima valutazione e un primo confronto tra i risultati che emergono negli altri paesi prima del report finale.

 

">
 
 | Aziende-Prodotti |  Chi Siamo | Dove siamo | Contatti |  Newsletter  | 
 
Innovazione e Ricerca
Internazionalizzazione
Formazione
News
Eventi
Comunicati Stampa
Rassegna Stampa
Pubblicazioni
Link
 

 
Login
password

News

LILAC: pronto il questionario per l'analisi dei fabbisogni formativi

E' già pronto il questionario per l'analisi dei fabbisogni formativi da condurre nelle aziende. Ha già preso il via dunque l'attività operativa di Lilac che è stata presentata lo scorso 6 novembre presso la sede del Centro Sperimentale a Poggibonsi. L'obiettivo finale sarà quello di costruire una piattaforma digitale per un continuo aggiornamento professionale per mantenere e migliorare le qualificazioni e competenze nell'industria del mobile - e non solo - in Europa. Il Csm, in questa fase, ha predisposto il questionario che è già stato preparato e illustrato ai partner. In questa fase il materiale viene inviato alle aziende che sono sollecitate a rispondere entro la fine di gennaio 2009. Lo stesso questionario sarà impiegato dagli altri partner nella propria zona di competenza.  Target di riferimento sono manager e quadri delle aziende che avranno la possibilità di rispondere sulle varie aree di competenza: marketing/comunicazione/approvvigionamenti. Le domande prendono il via dal modello organizzativo aziendale e continua cogliendo le caratteristiche dei prodotti, il mercato di riferimento, l'area dell'mpresa in cui sono più necessarie capacità e attitudini particolari. La griglia di intervista dei fabbisogni formativi prevede, per quanto riguarda le competenze interne,  domande sui ruoli presenti in azienda, sulle conoscenze e capacità richieste al ruolo, sulla reperibilità sul mercato. Per quanto riguarda le competenze esterne le domande si concentrano sulle aree gestionali, sull'utilizzo di competenze esterne, sulle modalità di scelta, sul grado di soddisfazione e necessità future di reperimento. Tutto questo sui temi progettazione, marketing, comunicazione, produzione, vendite, controllo di gestione, acquisti, gestione risorse umane, processi gestionali. Sono oggetto dell'indagine anche le abilità richieste nell'azienda

 

Sulla base dei risultati che emergeranno da tutti i paesi partner il Csm stilerà un report complessivo utile per inquadrare le figure professionali che ciascuna impresa giudica necessarie, all'interno degli standard europei. Un percorso a step successivi, dunque, che prende il via da una ricerca sul campo, continua con l'analisi dei fabbisogni, con la codificazione delle figure e si conclude con la costituzione della piattaforma web che dovrà integrare competenze di management ed e-learning a vantaggio dei dipendenti di una organizzazione.

 

Lilac, Lifelong Learning and Competence Management for the Furniture Industry, è il progetto di cui il Csm è capofila e che ha ricevuto il finanziamento di circa 500.000 Euro tra i progetti Europei Leonardo. Sono partner Grifo multimedia Srl, società della regione Puglia che ha il ruolo di coordinamento e organizzazione, e poi la società inglese Webs Training Ltd, l'istituto francese Institut Technologique Foret Cellulose Construction Ameublement e l'istituto spagnolo Centro Tecnológico del Mueble y la Madera. Il prossimo incontro si terrà a marzo 2009. Per quella data il Csm avrà effettuato la ricerca sul territorio di propria competenza e dovrà presentare una prima valutazione e un primo confronto tra i risultati che emergono negli altri paesi prima del report finale.

 

scarica allegati:
82-QUESTIONARIO_LILAC_ITA.doc
82-QUESTIONNAIRE english version.doc


www.csm.toscana.it
laura@csm.toscana.it
Centro Sperimentale del Mobile e dell'Arredamento Soc.cons.a.r.l.
Localita' Salceto, 99 - 53036 Poggibonsi (SI) - tel 0577/937457 - fax 0577/936297
e-mail csm@csm.toscana.it - http:/www.csm.toscana.it
Iscrizione Registro Imprese Siena 00568480529
CCIA Siena Rea N.76119
C.F./P.I. 00568480529
Privacy
Credits: Megareview & WWS